L’auto/mutuo aiuto

Linv_2063‘auto/mutuo aiuto – il processo di aiutare le persone ad aiutarsi, facilitando il confronto e la condivisione delle esperienze problematiche che ciascuno vive – è sempre stato una delle componenti essenziali del lavoro sociale con i gruppi. Questo volume descrive in modo dettagliato e approfondito i concetti teorici che stanno alla base dei processi di mutuo aiuto e le strategie operative per metterli in atto, enunciando, per ogni fase del lavoro di gruppo, le specifiche abilità e competenze che si richiedono al facilitatore. Il ruolo che spetta a questa figura viene esaminato per esteso in relazione a tutte le “tappe” – dalla programmazione iniziale, allo svolgimento degli incontri, alla conclusione e valutazione del percorso fatto insieme – in cui si articola la “vita del gruppo”. Alla base dei processi di mutuo aiuto, secondo Steinberg, si possono individuare nove dinamiche. Compito dell’operatore è cercare, in relazione a ciascuna di esse, di aiutare i suoi interlocutori a riconoscere ciò che li accomuna, per costruire nel gruppo un’identità e una “missione” in comune che permettano di realizzare gli specifici obiettivi dei partecipanti, di risolvere i loro problemi individuali e di valorizzare le risorse e la crescita personale di ciascuno di essi. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è disponibile presso la nostra biblioteca

La valutazione sociale delle cure parentali

inv_2057Gli operatori impegnati nei servizi di protezione dell’infanzia e dell’adolescenza hanno il difficile compito di valutare, per sostenere, le capacità genitoriali nei casi di rischio evolutivo e di pregiudizio.
La valutazione delle cure parentali è un ambito multidisciplinare che dovrebbe garantire una “equipe minima di lavoro” (assistente sociale, psicologo, educatore), spazi per sviluppare e mantenere un’attitudine riflessiva sugli interventi, strumenti collaudati e confrontabili.
In assenza o carenza di queste risorse si produce una condizione di isolamento – a volte di impotenza – professionale che comporta il rischio di assumere una prospettiva adultocentrica e autoreferenziale degli interventi e di esprimere “giudizi” più che pareri professionali.
Il testo fornisce agli operatori strumenti di valutazione collaudati e sperimentati nella pratica professionale attraverso una ricerca-azione sulla casistica che ha visto il diretto coinvolgimento di un nutrito gruppo di assistenti sociali.
Grazie al linguaggio didattico, l’illustrazione di casi esemplificativi, i focus d’attenzione, le concrete raccomandazioni derivanti dall’esperienza professionale e le più aggiornate conoscenze in tema di parenting, il volume è un’utile guida per le giovani generazioni di operatori e studenti che si accingono ad apprendere la professione. Al contempo, è uno strumento valido anche per i professionisti – psicologi, educatori professionali, insegnanti, avvocati, magistrati – stimolati dal bisogno di condivisione, riflessione comune e crescita professionale verso un ambito d’intervento che implica, oggi, molte sfide. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è consultabile presso la nostra biblioteca

Generare cambiamento

inv_2058I contributi raccolti in questo volume descrivono un intenso percorso di ricerca sul tema della condivisione, nato dalla collaborazione fra un gruppo di professionisti impegnati in vari ambiti, con il sostegno della Provincia di Bologna e dell’Osservatorio sul Volontariato dell’Università Cattolica e l’attiva partecipazione di ventotto associazioni del volontariato bresciano e bolognese. La ricerca si è sviluppata nel periodo 2011-2012, grazie ad una metodologia che ha permesso di coinvolgere i volontari in diverse fasi del lavoro e di basarsi direttamente sulle loro opinioni ed esperienze per individuare le principali categorie interpretative della condivisione, elaborando una micro-teoria dagli interessanti risvolti operativi. I contenuti del volume spaziano dagli aspetti definitori del concetto pluridimensionale di condivisione, alla descrizione delle sue variegate espressioni, sino alla presentazione di varie proposte operative in grado di sostenerne l’etica ed incrementarne le pratiche, all’interno delle associazioni e nei loro rapporti con l’esterno. L’interesse verso questa ricerca, dall’oggetto originale e dall’ottica dinamica, è accentuato dal protrarsi della crisi attuale: una crisi non solo economica, ma anche culturale e sociale. In questo scenario, infatti, le associazioni di volontariato sono chiamate sia a rafforzare la propria mission originaria, sia a promuovere e qualificare processi di cambiamento favoriti dall’attivazione di prassi più consapevoli ed efficaci di condivisione. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è consultabile presso la nostra biblioteca