Archivi categoria: Nuovi libri

P. Canova, D. Rizzuto – Fate il nostro gioco

inv_2070Win For Life, Slot machine, Superenalotto, Roulette, Gratta & Vinci, Lotto, Bingo… molti giochi, un’unica speranza: vincere! Chi non si è abbandonato al sogno di diventare milionario con l’acquisto di un biglietto della lotteria? Ma quanto questo sogno è davvero a portata di mano? Ed è proprio piccola la spesa da affrontare? Quanto è equo il prezzo del biglietto? Quali false credenze ci spingono al gioco? Quante informazioni ha il giocatore?
Da queste domande è nata l’esperienza di Fate il nostro gioco – una mostra, una conferenza e adesso finalmente un libro – con l’obiettivo di svelare le regole, i piccoli segreti e le grandi verità che stanno dietro all’immenso fenomeno del gioco d’azzardo. La convinzione di Paolo Canova (matematico) e Diego Rizzuto (fisico) è che il modo migliore per farlo sia usare la matematica come strumento di prevenzione, una specie di “antidoto logico” per immunizzarsi, almeno un po’, dal rischio degli eccessi da gioco. Perché la matematica è un esercizio di pensiero critico applicato a un ambito in cui “la sorte” c’entra molto poco.
Fate il nostro gioco è quindi un viaggio di scoperte inattese e molto divertenti che ci aiutano a capire che la matematica non fa paura se la si sa raccontare e usare, e che dietro le nostre speranza milionarie ci sono regole ferree che, con i nostri cinque euro dati al tabaccaio, non facciamo che confermare. Preparatevi a giocare, però, perché tra le pagine del libro più volte sarete chiamati a scoprire come funziona la “fortuna”. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è disponibile presso la nostra biblioteca

Faccia a faccia con Facebook

inv_2069

Dalla sua nascita Facebook ha offerto alle persone un strumento per creare e mantenere i rapporti sociali in un modo prima inimmaginabile; non stupisce quindi che esso abbia avuto un impatto anche sulla vita delle famiglie adottive. Lo scambio di informazioni riservate o di dati identificativi – una volta di esclusiva competenza dei servizi adottivi – può essere ora gestito ricorrendo a quell’enorme archivio di dati che è internet.
I giovani cercano i propri familiari biologici sul web senza una vera consapevolezza di quanto complesse potrebbero esserne le conseguenze; le famiglie biologiche, dal canto loro, possono fare lo stesso per rintracciare e contattare i propri figli. Tutto ciò pone le famiglie adottive in situazioni di difficile gestione.
Faccia a faccia con Facebook prende in esame le sfide che tutte le parti interessate si trovano a dover affrontare, chiarendo come i genitori adottivi possano contribuire a soddisfare le curiosità dei propri figli, minimizzando nel contempo i rischi per la loro sicurezza e stabilità emotiva.
Il testo affronta gli interrogativi più diffusi tra i genitori adottivi e gli operatori del settore:
– Cosa devono sapere gli adottati e le loro famiglie sull’adozione nell’era di Facebook?
– Cosa devono sapere i genitori sulla tutela della privacy e la sicurezza online nell’interesse dei propri figli?
– Come gestire le complesse situazioni che derivano dai contatti stabiliti senza autorizzazione e senza mediazione?
– Quali tipi di assistenza e risorse sono disponibili?
I casi di studio e le testimonianze riportate nel testo offrono al lettore l’opportunità di avvalersi delle esperienze altrui per individuare i principali rischi e le soluzioni adottabili per gestirli.
Una lettura fondamentale per tutti coloro che vivono la nuova realtà adottiva nell’era dei social network.

Eileen Fursland, autrice di diversi titoli per BAAF (British Association for Adoption and Fostering), organizza corsi di formazione per aiutare i genitori affidatari, adottivi e operatori sociali ad affrontare le sfide poste dai social network. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è disponibile presso la nostra biblioteca

Sviluppo dell’affettività e cultura del «genere»

inv_2067Educazione di genere e identità di genere sono espressioni che stanno entrando nell’uso comune. Ma di quale genere si parla? E come coinvolge l’identità della persona e l’educazione all’affettività? Quale significato può assumere in relazione alla sessualità umana? Si tratta di una scelta?

Oggi la corrente culturale del gender contesta alcuni stereotipi sociali connessi con il genere maschile e femminile e sostiene la legittimità di altri generi, che rappresentano delle varianti e possono essere connessi a condizioni particolari dal punto di vista biologico o psicologico. Si afferma così una distinzione tra identità di genere e sesso biologico e si rivendica a ciascun individuo la scelta dell’identità di genere che vuole avere. Anche l’idea di orientamento sessuale si presta a ogni interpretazione soggettiva, tanto che il range si fa amplissimo e su Facebook si contano fino a 55 varianti diverse. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è disponibile presso la nostra biblioteca

Il rischio psicosociale nelle professioni di aiuto

inv_2064Questo libro affronta la problematica dello stress da un’angolatura eminentemente psicologica cercando di rileggere, nel contesto specifico delle diverse attività, gli effetti dell’eccessivo coinvolgimento con i bisogni delle persone. Il lavoro di ricerca eseguito tra le diverse categorie professionali (psicologi, operatori sociali, medici, infermieri, operatori pastorali) rileva che chi lavora con le persone può correre il rischio di esaurire le proprie energie psicofisiche quando non integra in modo equilibrato le esigenze altrui con le proprie forze: egli reagirà considerando gli utenti come insopportabili perché non apprezzano a sufficienza il suo attivismo, e per difendersi dal rischio della frustrazione tenderà a ritirare il proprio investimento emozionale.Un libro utile per quanti sono impegnati direttamente nelle diverse professioni di aiuto, ma anche per quanti si preparano in questi settori, per conoscerne i problemi reali e per cogliere le eventuali strategie di prevenzione. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è disponibile presso la nostra biblioteca

L’auto/mutuo aiuto

Linv_2063‘auto/mutuo aiuto – il processo di aiutare le persone ad aiutarsi, facilitando il confronto e la condivisione delle esperienze problematiche che ciascuno vive – è sempre stato una delle componenti essenziali del lavoro sociale con i gruppi. Questo volume descrive in modo dettagliato e approfondito i concetti teorici che stanno alla base dei processi di mutuo aiuto e le strategie operative per metterli in atto, enunciando, per ogni fase del lavoro di gruppo, le specifiche abilità e competenze che si richiedono al facilitatore. Il ruolo che spetta a questa figura viene esaminato per esteso in relazione a tutte le “tappe” – dalla programmazione iniziale, allo svolgimento degli incontri, alla conclusione e valutazione del percorso fatto insieme – in cui si articola la “vita del gruppo”. Alla base dei processi di mutuo aiuto, secondo Steinberg, si possono individuare nove dinamiche. Compito dell’operatore è cercare, in relazione a ciascuna di esse, di aiutare i suoi interlocutori a riconoscere ciò che li accomuna, per costruire nel gruppo un’identità e una “missione” in comune che permettano di realizzare gli specifici obiettivi dei partecipanti, di risolvere i loro problemi individuali e di valorizzare le risorse e la crescita personale di ciascuno di essi. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è disponibile presso la nostra biblioteca

La valutazione sociale delle cure parentali

inv_2057Gli operatori impegnati nei servizi di protezione dell’infanzia e dell’adolescenza hanno il difficile compito di valutare, per sostenere, le capacità genitoriali nei casi di rischio evolutivo e di pregiudizio.
La valutazione delle cure parentali è un ambito multidisciplinare che dovrebbe garantire una “equipe minima di lavoro” (assistente sociale, psicologo, educatore), spazi per sviluppare e mantenere un’attitudine riflessiva sugli interventi, strumenti collaudati e confrontabili.
In assenza o carenza di queste risorse si produce una condizione di isolamento – a volte di impotenza – professionale che comporta il rischio di assumere una prospettiva adultocentrica e autoreferenziale degli interventi e di esprimere “giudizi” più che pareri professionali.
Il testo fornisce agli operatori strumenti di valutazione collaudati e sperimentati nella pratica professionale attraverso una ricerca-azione sulla casistica che ha visto il diretto coinvolgimento di un nutrito gruppo di assistenti sociali.
Grazie al linguaggio didattico, l’illustrazione di casi esemplificativi, i focus d’attenzione, le concrete raccomandazioni derivanti dall’esperienza professionale e le più aggiornate conoscenze in tema di parenting, il volume è un’utile guida per le giovani generazioni di operatori e studenti che si accingono ad apprendere la professione. Al contempo, è uno strumento valido anche per i professionisti – psicologi, educatori professionali, insegnanti, avvocati, magistrati – stimolati dal bisogno di condivisione, riflessione comune e crescita professionale verso un ambito d’intervento che implica, oggi, molte sfide. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è consultabile presso la nostra biblioteca

Generare cambiamento

inv_2058I contributi raccolti in questo volume descrivono un intenso percorso di ricerca sul tema della condivisione, nato dalla collaborazione fra un gruppo di professionisti impegnati in vari ambiti, con il sostegno della Provincia di Bologna e dell’Osservatorio sul Volontariato dell’Università Cattolica e l’attiva partecipazione di ventotto associazioni del volontariato bresciano e bolognese. La ricerca si è sviluppata nel periodo 2011-2012, grazie ad una metodologia che ha permesso di coinvolgere i volontari in diverse fasi del lavoro e di basarsi direttamente sulle loro opinioni ed esperienze per individuare le principali categorie interpretative della condivisione, elaborando una micro-teoria dagli interessanti risvolti operativi. I contenuti del volume spaziano dagli aspetti definitori del concetto pluridimensionale di condivisione, alla descrizione delle sue variegate espressioni, sino alla presentazione di varie proposte operative in grado di sostenerne l’etica ed incrementarne le pratiche, all’interno delle associazioni e nei loro rapporti con l’esterno. L’interesse verso questa ricerca, dall’oggetto originale e dall’ottica dinamica, è accentuato dal protrarsi della crisi attuale: una crisi non solo economica, ma anche culturale e sociale. In questo scenario, infatti, le associazioni di volontariato sono chiamate sia a rafforzare la propria mission originaria, sia a promuovere e qualificare processi di cambiamento favoriti dall’attivazione di prassi più consapevoli ed efficaci di condivisione. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è consultabile presso la nostra biblioteca

Gente di periferia

inv_2056Quinto dossier povertà dell’Emilia-Romagna. Il punto di vista delle Caritas diocesane – a cura della Delegazione Regionale Caritas Emilia Romagna

Nel Dossier: dati sulla situazione in Italia ed Emilia-Romagna, interviste agli amministratori locali,  dati del Centri di ascolto Caritas, esperienze di accoglienza; con uno scritto del prof. Ivo Colozzi dell’Università di Bologna su Le sfide al nuovo umanesimo alla luce delle iniquità e uno scritto di don Renzo Gradara, direttore della Caritas di Rimini su La casa comune.

Il Centro culturale Francesco Luigi Ferrari ha partecipato alla realizzazione del Dossier con Simona Melli, che ha curato la stesura dei testi e che interverrà al convegno come relatrice, e con Paolo Tomassone e Davide Lombardi che hanno curato riprese e montaggio del dvd allegato alla pubblicazione. (Descrizione tratta dal sito http://www.centroferrari.it)

Il presente volume è consultabile presso la nostra biblioteca oppure online cliccando QUI

M. Pacori – I segreti del linguaggio del corpo

inv_2055Viso e corpo hanno un linguaggio tutto loro che rivela pensieri e parole a nostra insaputa. È un modo di comunicare non controllabile ma con precise tecniche di interpretazione che Marco Pacori – tra i massimi esperti italiani – svela con l’aiuto di foto, esempi e casi reali. Imparare a leggere negli altri ciò che pensano osservando i loro gesti, la postura, i piccoli tic è un’attività affascinante e «redditizia». Non solo perché ci consente di avere più elementi per valutare la persona che abbiamo di fronte, ma anche perché ci regala la capacità di modulare il comportamento in base a ciò che «leggiamo» nell’interlocutore.

Marco Pacori, psicologo e ipnoterapeuta, si occupa da oltre vent’anni di comunicazione non verbale e ipnosi. Ha fondato il Centro Studi e Ricerche sulla Comunicazione Non Verbale (CSR-CNV) e tiene corsi per privati e aziende e conferenze sul linguaggio del corpo. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è consultabile presso la nostra biblioteca

B. Brogliato, D. Migliorini – L’amore omosessuale

inv_2054C’è bisogno di una nuova sintesi. Inter- e intradisciplinare, con una visione d’insieme coerente, scientifica, senza pregiudizi, al servizio di una Chiesa che – con papa Francesco – è alla ricerca di nuove analisi e di proposte pratiche innovative. Necessaria è la prospettiva della piena integralità umana delle persone omosessuali, che interroghi il loro amore in tutta la sua complessità. La psicoanalisi, per prima, può contribuire a elaborare una visione dell’affettività omosessuale complessiva, integrale e positiva. La teologia può ascoltarne le conclusioni, senza rinunciare alle sue categorie etiche, ma aggiornando la propria posizione, proponendo una visione pienamente cattolica della persona e della sua sessualità. Visione che si traduce in indicazioni pastorali in grado di aiutare una persona omosessuale a vivere in serena pienezza la propria situazione, la propria affettività e spiritualità cristiana. (Descrizione tratta dalla 4° di copertina)

Il presente volume è consultabile presso la nostra biblioteca